Decreto Ristori e contributi a favore delle associazioni e dei collaboratori

Di seguito un breve riassunto delle misure a sostegno delle associazioni in base alle disposizioni del nuovo DL 137/2020 "Decreto Ristori". 

ART. 1 - CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO DEI SETTORI INTERESSATI ALLE NUOVE MISURE RESTRITTIVE

Condizioni per accedere al contributo:

  • Avere la P.IVA attiva alla data del 25 ottobre 2020 e dichiarare di svolgere come attività prevalente una di quelle riferite ai codici ATECO nell'Allegato 1 al presente decreto
  • Il contributo a fondo perduto spetta a condizione che l'ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 sia inferiore ai due terzi dell'ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019.
  • Il predetto contributo spetta anche in assenza dei requisiti di fatturato di cui al precedente comma ai soggetti riportati nell'Allegato 1 che hanno attivato la partita IVA a partire dal 1° gennaio 2019

Per i soggetti che hanno già beneficiato del contributo a fondo perduto previsto dal DL 34/2020, il nuovo contributo verrà erogato dall'Agenzia delle entrate direttamente sul conto corrente

Chi non ha presentato la domanda in precedenza sarà predisposta una nuova modulistica con Provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate

Il requisito della P.IVA e la definizione di "settore economico" dell'attività svolta sembra escludere da tale aiuto le associazioni sportive dilettantistiche che svolgono esclusivamente attività in favore dei propri associati e, come tali, non dotate di partita Ivaper le quali dovrebbe essere attivato il successivo indennizzo

ART. 3 - CONTRIBUTI ALLE ASD E SSD

Per il sostegno alle ASD e SSD è prevista l'istituzione di un Fondo di 50 milioni di Euro destinato all'adozione di misure di sostegno e ripresa per gli enti che hanno sospeso o cessato l'attività istituzionale. Sarà emanato un Provvedimento del Capo Dipartimento per lo Sport per disporre l'erogazione. In base a come è scritta la norma sembra che possa essere applicata alle realtà sportive non titolari di P.IVA (queste invece percepiranno il contributo di cui al punto precedente) a condizione che il loro Ateco rientri nell'elenco al nuovo Decreto Legge. Le associazioni che abbiamo costituito noi hanno l'Ateco corretto 93.12.00 o 93.11.90 che consentirà la ricezione dei contributi, le altre ASD/SSD devono verificare la propria posizione

Art. 5 - MISURE A SOSTEGNO DEGLI OPERATORI DELLA CULTURA E DELLO SPETTACOLO

Viene introdotto nuovamente il voucher per il controvalore degli spettacoli dal vivo a cui non si potrà assistere. Si ritiene che vi potranno essere ricompresi anche eventuali biglietti acquistati in prevendita per manifestazioni sportive originariamente calendariate alla presenza di pubblico nel periodo 24 ottobre-31 gennaio 2021.

Art. 8 - CREDITO IMPOSTA LOCAZIONI

Le associazioni il cui Ateco rientra nell'elenco, indipendentemente dal volume d'affari registrato nel 2019, beneficiano di un credito di imposta per le locazioni per i mesi di ottobre, novembre e dicembre. Viene eliminato ogni requisito di accesso in funzione del volume dei ricavi. Il relativo credito è cedibile al proprietario dell'immobile locato.

Anche qui la norma usa il termine "imprese". Sarà necessario attendere circolari interpretative per capire se possano rientrare in tale definizione anche le Asd. Nessun dubbio, invece, per le società sportive dilettantistiche

Art. 15 - INDENNITA' LAVORATORI SPETTACOLO

Ai lavoratori iscritti al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo con almeno 30 contributi giornalieri versati dal 1° gennaio 2019 alla data di entrata in vigore del presente decreto al medesimo Fondo, cui deriva un reddito non superiore a 50.000 Euro è riconosciuta un'indennità pari a 1.000€

Art. 17 - INDENNITA' COLLABORATORI SPORTIVI

Per il mese di novembre 2020, è erogata dalla società Sport e Salute S.p.A. un'indennità di 800€ in favore dei lavoratori impiegati con rapporti di collaborazione presso ASD e SSD di cui all'art. 67 TUIR i quali hanno cessato o ridotto o sospeso la loro attività. Il soggetto non deve percepire altri redditi o reddito di cittadinanza. Le nuove domande dovranno essere presentate entro il 30 novembre 2020 tramite la piattaforma informatica che verrà istituita. I soggetti già beneficiari per i mesi da marzo a giugno della precedente indennità vedranno erogata in automatico la nuova somma di 800€

Alleghiamo il DL 137.2020 per chi volesse leggerlo, serve soprattutto da Pag. 31 per l'elenco dei codici ATEO interessati agli indennizzi e per scoprire a quanto ammonta l'importo erogato ai sensi dell'art. 1 del D.L.

Per riassumere e semplificare:

  • Chi ha già percepito gli indennizzi in precedenza li riceverà in automatico
  • Chi non li avesse richiesti verranno predisposte le apposite procedure, al momento non ancora note